Denunciato Varoufakis, il ministro-hacker e partigiano tecnologico contro l’euronazismo tecnocratico

Il nazismo economico in vigore nell’UE è basato sulla tecnocrazia. Per sconfiggerla, l’ex ministro greco delle Finanze Yanis Varoufakis si è trasformato in un hacker: in un partigiano tecnologico. Ieri è stato denunciato per essere penetrato abusivamente nel software del suo stesso Governo con lo scopo di sottrarlo al controllo di Bruxelles. L’azione di Varoufakis serviva per mettere a punto il famoso piano B: il sistema di pagamenti […]

Continua a leggere

Ecco il piano B di Varoufakis, il ministro che diventò hacker per sottrarre la Grecia alla troika

Un ministro costretto ad hackerare il sistema informatico del suo stesso Governo per sottrarlo al controllo di Bruxelles. Lo ha fatto Varoufakis in Grecia per preparare l’introduzione di una sorta di valuta parallela all’euro. La notte dopo il vittorioso referendum era tutto pronto: bastava fare clic su un computer. Un altro clic avrebbe permesso alla Grecia di tornare alla dracma. […]

Continua a leggere

“Varoufakis é stato silurato perché voleva introdurre una valuta parallela all’euro”

Altro che l’incompatibilità di carattere con il resto dell’Eurogruppo. In Grecia, il ministro delle Finanze Varoufakis sarebbe stato silurato perché era intenzionato a introdurre una valuta parallela all’euro. L’ipotesi viene dal Wall Street Journal: si trova in un articolo riservato ai soli abbonati. Bisogna ricostruirne il contenuto mediante altre testate on line. Varoufakis ha parlato dell’introduzione di una valuta parallela […]

Continua a leggere

Grecia, documenti segreti. Merkel, troika e FMI sanno che l’austerity non funziona

Canaglie ipocrite. Bugiardi marci. Lo sanno tutti benissimo, lo sanno da tempo che il debito pubblico della Grecia dev’essere in larga parte cancellato perché la Grecia non potrà mai ripagarlo, neanche a prezzo della più sanguinosa delle austerity. Lo sanno la Merkel, la troika e il FMI (Fondo Monetario Internazionale). Tsipras e Varoufakis per cinque mesi hanno continuato a chiedere […]

Continua a leggere

L’UE decide di prolungare le sanzioni alla Russia. Miliardi di danni all’economia italiana. Governo Renzi? Non pervenuto

L’UE ha deciso oggi di prolungare fino a fine gennaio le sanzioni alla Russia innescate dalla crisi ucraina ed in vigore da sei mesi. Lo scrive AFP (Agence France-Presse), solitamente affidabilissima. La ratifica formale é attesa lunedì. Verosimilmente resterà in vigore anche il blocco delle importazioni di prodotti UE deciso in risposta dalla Russia. Secondo il calcolo di Coldiretti, le […]

Continua a leggere

Altre due risoluzioni bellicose approvate a Strasburgo. L’UE strumento della NATO verso il conflitto con la Russia

L’Unione Europea per interessi che non sono i suoi, dopo averci portato alla povertà con l’Euro e l’austerity, diventa succursale orientale degli USA e vuole trascinarci con la NATO in guerra con la Russia L’Europa, che nel dopoguerra si é unita per non ripetere gli errori di due guerre mondiali, ora ne prepara una terza e – fatto se possibile ancor […]

Continua a leggere

Le radici dell’ISIS. In un documento del Pentagono l’appoggio degli USA all’estremismo islamico

Il caos elevato a strumento politico. Chi aveva dei dubbi, può liberarsene: gli Stati Uniti hanno appoggiato l’estremismo islamico per indebolire l’URSS e poi la Russia di Yeltsin. Gli Stati Uniti ed altri Paesi occidentali ritenevano che i gruppi dell’estremismo islamico fossero uno strumento per rovesciare il leader siriano Bashir al-Assad e dunque essi hanno – diciamo – sponsorizzato il […]

Continua a leggere
1 3 4 5 6 7 8