Il raccolto, la semina. Bilancio dell’ultimo anno al Parlamento Europeo

Le vittorie, tra le quali le etichette energetiche 2.0 e diritti dei prosumer, il terreno preparato per le battaglie future, alcune soddisfazioni come l’essere inserito da VoteWatch.eu tra i 5 europarlamentari più influenti in materia di politiche energetiche. Qui di seguito il resoconto completo comprese le delusioni di un anno intenso durante il quale abbiamo seguito 20 dossier e presentato oltre 600 emendamenti.

Continua a leggere

Le rinnovabili danno lavoro. Non in Europa

rinnovabili fotovoltaico

IRENA l’Agenzia Internazionale per le rinnovabili, traccia lo scenario del lavoro prodotto dalle fonti verdi. Bene nel mondo, ma non nella UE I posti di lavoro legati alle energie rinnovabili aumentano più o meno in tutto il mondo ma diminuiscono in tutta l’Unione Europea. Il fallimento delle tanto sbandierate politiche UE sui green jobs é stato certificato dal nuovo rapporto […]

Continua a leggere

IL FUTURO DEL LAVORO secondo il MIT – Andrew McAfee

Un assai interessante spaccato di cosa si pensa dell’evoluzione tecnologica e del mondo del lavoro e delle politiche collegate negli Stati Uniti al MIT e nella Silicon Valley. VIDEO: Sessione con Andrew McAfee, ricercatore al MIT (Massachusetts Institute of Technology) e autore de “La nuova rivoluzione delle macchine. Lavoro e prosperità nell’era della tecnologia trionfante” Per chi vuole approfondire un […]

Continua a leggere

Fake news e pluralità di espressione. Il delitto perfetto su internet

La Commissione Europea sta dimostrando di essere in grado di colpire la pluralità di espressione su internet senza che sia possibile accusarla di censura: l’azione é infatti ribattezzata “lotta contro le fake news” ed é demandata a Google e Facebook attraverso scelte aziendali che privilegiano i contenuti omogenei a quelli diffusi dai media mainstream. Le scelte aziendali per definizione sono arbitrarie, e di esse non bisogna rendere conto ai cittadini. Il caso Byoblu é nato così, e tutto lascia pensare che questo sia solo l’inizio.

Continua a leggere

L’azione M5S a Bruxelles per infondere un’anima “sociale” nell’era della robotica

Sta nascendo il quadro legislativo UE per la rivoluzione nella quale stiamo entrando. Bisogna governarla affinché la possibile liberazione dal lavoro avvenga senza la distruzione del reddito e del welfare. Stiamo entrando in un’era caratterizzata da robot capaci non solo di svolgere compiti meccanici, ma anche di imparare dall’esperienza e di imparare a pensare – per così dire – e quindi di svolgere tutto (o […]

Continua a leggere

Bilancio degli ultimi 12 mesi al Parlamento Europeo

Il bilancio del nostro anno di lavoro è come un iceberg. Le vittorie costituiscono la punta di questo iceberg, la sua piccola parte emersa: le nuove etichette energetiche (approvate in plenaria e per le quali sono relatore) e i risultati ottenuti su efficienza energetica, diritti degli autoproduttori-consumatori di energie rinnovabili, no a finanziamenti UE al nucleare. La parte sommersa dell’iceberg, molto più grande, è quella che ci ha consentito di conseguire questi risultati: negli ultimi 12 mesi abbiamo prodotto 720 emendamenti per inserire il punto di vista nostro e del M5S nei 24 dossier che abbiamo seguito in qualità di relatore o relatore ombra all’interno della commissione parlamentare ITRE (industria, energia, ricerca), per la quale sono anche coordinatore.

Continua a leggere

Remain… or not remain? Brexit, farfalle e cigni neri.

BREXIT, FARFALLE E… CIGNI NERI La plenaria, quella plenaria straordinaria convocata a Bruxelles per la Brexit sembrava stamane (28 giugno 2016) un palcoscenico speciale solcato da fantasmi che si agitavano e parlavano pronunciando parole sconnesse. Dopo pochi minuti dall’inizio, lo show specialmente allestito per l’occasione è divenuto così surreale al punto che ho cominciato a viverlo da attento spettatore come […]

Continua a leggere

L’Europa: quale ruolo sul clima?

Il mio contributo (gratuito) al saggio di Edizioni Ambiente “Il Mondo dopo Parigi” “La più grande notizia in merito agli accordi di Parigi è passata per lo più inosservata: per rispettare gli obiettivi concordati bisognerà lasciare sottoterra gran parte delle riserve note ed estraibili di combustibili fossili. Il calcolo esatto é in un saggio pubblicato dalla prestigiosa rivista scientifica Nature […]

Continua a leggere
1 2 3 12