Newsletter del 19 Dicembre 2018

Buon Natale

Questa frase mi è piaciuta molto, per questo voglio condividerla con tutti voi, augurandovi un Natale ed una vita pieni di sogni e amici

Dario Tamburrano

Conferenza stampa dei medici ISDE per l’ambiente.

Cambiamenti climatici, salute, agricoltura e alimentazione: questi i temi trattati il 7 dicembre a Roma, nella conferenza stampa dell’ISDE (Associazione Medici per l’Ambiente- ONG presente in 25 Paesi) nella quale sono intervenuto. È stato presentato il position paper dell’associazione sulle conseguenze socio-economiche e sanitarie dei cambiamenti climatici.
Approfondisci

Indipendenza energetica. L`Europa riuscirà ad essere autonoma?

Le risposte nella mia intervista alla trasmissione “Federalismo Solidale“ su Rai Radio 1

Video

Convegno a Roma“ Dal dual  fuel all’elettrico per la mobilità sostenibile”

Venerdì 3 dicembre ho partecipato a Roma al convegno “Dal dual fuel all’elettrico per la mobilità sostenibile”, organizzato da Roma Capitale, in collaborazione con la Rete di EcoFuturo Festival.

Diretta streaming dal Campidoglio: i miei interventi al min 25.20 e 1:45.50

Strategia Clima UE al 2050. Tassare il carbonio, far fluire la conoscenza.

Tassare il carbonio presente nei prodotti in ingresso in Europa e far fluire liberamente conoscenza ed eco-tecnologie nei paesi in via di sviluppo verso i quali siamo noi ad avere un debito per avergli sottratto nei secoli risorse materiali ed umane e libertà. Prestare attenzione al capitale umano e allo spread ecologico più che a quello finanziario. Questo in sintesi il contenuto del mio intervento in plenaria a Bruxelles in occasione della discussione sulla comunicazione della strategia UE per il clima al 2050

Video

Testo sul blog di Beppe Grillo

Bioprinting 3D per scopi medici e per il potenziamento umano. Questioni etiche e legislative

Il 3 dicembre è stato presentato a Bruxelles lo studio sul bioprinting che ho proposto e ispirato al Parlamento Europeo sugli aspetti scientifici, giuridici ed etici di un territorio disseminato di opportunità e di mine vaganti. È necessario costruire un quadro legislativo prima che la rapida evoluzione tecnologica ci metta di fronte a fatti già compiuti.

Approfondisci

Rinnovabili. Le balle del target nazionale “in diminuzione” #IoNonCiCasco

Il sottosegretario Crippa annuncia l’intenzione di raggiungere il 30% di rinnovabili entro il 2030. Secondo Greenreport e la Cgil, è un “disimpegno” rispetto agli obiettivi UE. Peccato che le cose non stiano così…

Approfondisci

Stop cibo anonimo, l’ICE per sapere da dove viene il cibo

“Stop cibo anonimo” non è solo una petizione, ma uno strumento istituzionale tramite il quale un milione di cittadini può chiedere all’UE di modificare le sue leggi. L’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) “Stop cibo anonimo” è stata presentata il 29 novembre, a Bruxelles. Chiede che sulle etichette dei prodotti alimentari siano obbligatorie le dichiarazioni di origine. L’origine degli alimenti deve essere indicata sull’etichetta, perché solo in questo modo il cittadino è davvero in grado di scegliere cosa mangiare e può premiare i Paesi che applicano le norme più severe e più virtuose in materia di impiego dei pesticidi. La libertà del cittadino di scegliere cosa mangiare viene prima della libertà del mercato.

Io ho firmato per dare la mia adesione: potete farlo anche voi qui https://www.eatoriginal.eu/it

Per approfondire potete leggere qui, dove ci sono anche i video delle nostre dichiarazioni a Bruxelles.

Governance dell’unione dell’energia: faro sui sussidi ai fossili ed efficienza elevata a rango di infrastruttura

Buone notizie, per una volta, dall’ Unione europea. Il Movimento 5 Stelle Europa ha fatto la differenza. Il Regolamento per la Governance dell’Unione dell’energia ha ricevuto l’approvazione definitiva a Strasburgo e sono diventate legge europea alcune nostre proposte come l’efficienza che assume il rango di “infrastruttura”. I sussidi ai fossili vengono inoltre “attenzionati”

Approfondisci

“Propaganda Live” sulle centrali a carbone polacche e cambiamento climatico

La puntata di venerdì 23 novembre di “Propaganda Live” ha affrontato la questione delle centrali a carbone polacche e del cambiamento climatico. È ora che in tutta Europa e non solo ci si liberi presto dal carbone che uccide clima, ambiente e esseri umani. Siamo al lavoro in UE sulla veste definitiva del Regolamento del Mercato Elettrico affinché ciò accada.

VIDEO

Maggiori informazioni da Greenpeace qui

Educazione all’Europa digitale – Corso di disegno digitale e stampa 3D per ragazzi

Conoscere il digitale e affrontarlo in maniera proattiva e creativa significa governare i cambiamenti in arrivo senza subirli passivamente. Questa la motivazione del corso di disegno digitale e stampa 3D per bambini dai 9 ai 13 anni che ho organizzato nel mio ufficio locale a Roma, sabato 24 novembre. Si è trattato del primo corso per bambini ed era a numero chiuso, rivolto ai contatti della nostra mailing list che avevano mostrato interesse per i loro figli nei mesi precedenti.  Ai bambini è stata non solo presentata la modellazione e la stampa 3D, ma è stata data loro anche l’opportunità di “lavorare” insieme ai genitori per realizzare il loro progetto in 3D.

Grazie a tutti i partecipanti ed ai formatori!

On line il portale ENEA per le detrazioni fiscali al 50% su ristrutturazioni edilizie che comportano risparmio energetico

Il 21 novembre è stato presentato  a Roma, presso la sala del Parlamentino del Ministero dello Sviluppo Economico, alla presenza del Sottosegretario Davide Crippa e del Presidente dell’ENEA Federico Testa, il portale per la trasmissione all’ENEA delle informazioni necessarie ad ottenere le detrazione fiscali del 50% (bonus casa) relative agli interventi edilizi e tecnologici che comportano risparmio energetico e/o l’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili di energia, realizzati a partire dall’anno 2018.

Approfondisci

Bocciato il Fiscal Compact al Parlamento Europeo

La commissione Economica dell’Europarlamento boccia il Fiscal Compact. E’ un segnale storico che va nella direzione che auspichiamo da anni: il Fiscal Compact e le attuali politiche di austerità hanno prodotto soltanto disastri, è necessario un cambio di passo e con il voto di oggi forse anche altri se ne stanno accorgendo. Il no all’incorporazione del Fiscal Compact nel diritto dell’Unione europea va nella giusta direzione, ma è soltanto l’inizio.

Approfondisci