Per l’EFSA il Glifosato non é cancerogeno ma per la IARC sì. Il costo umano dei fitofarmaci

E adesso a chi dovremmo credere? E’ “improbabile” che il diserbante Glifosato causi il cancro negli esseri umani, ha stabilito ieri l’Efsa, l’Agenzia Europea per la Sicurezza Alimentare. Invece in marzo lo stesso Glifosato é stato definito “probabilmente cancerogeno” dalla IARC (International Agency for Research on Cancer), legata al WHO, l’Organizzazione Mondiale per la Sanità che a sua volta é l’agenzia delle Nazioni Unite per la salute.

Continua a leggere

La cloaca di Pandora. Dopo auto e tv, anche gli aspirapolvere ingannerebbero i test e i consumatori

Davvero il caso Volkswagen ha aperto il vaso (anzi, la cloaca) di Pandora. Dopo le auto e i televisori, anche gli aspirapolvere ingannerebbero i consumatori: la società britannica Dyson ha denunciato le concorrenti Siemens e Bosch. James Dyson, il fondatore, sostiene che alcuni modelli di queste case aggirano i test in base ai quali l’UE attribuisce le etichette di efficienza […]

Continua a leggere

Portiamo a Bruxelles l’economia circolare. Mercoledì 21 ottobre convegno in streaming

Aggiornamento – Dato l’alto numero dei partecipanti, é stato necessario trovare una sala più grande. Inserita la nuova versione di programma e volantino L’economia dei processi produttivi del mondo moderno sono come una linea retta presuntuosamente proiettata verso l’infinito: estraggono continuamente risorse naturali, le trasformano in beni che diventano rapidamente rifiuti che vengono inceneriti o buttati in discarica. Come se, […]

Continua a leggere

Samsung come Volkswagen? Il televisore consuma di meno durante il test di efficienza energetica

Lo scandalo Volksvagen ha scoperchiato il vaso di Pandora. Dopo le auto negli USA, i televisori nell’UE: solo ora si scopre che alcune tv “cambiano comportamento” mentre si svolge uno dei test legati all’etichetta energetica europea. Attraverso la funzione “motion lighting”, riducono la brillantezza dello schermo – e il consumo di energia – ogni qualvolta vengono trasmesse immagini in movimento […]

Continua a leggere

Un baraccone europeo. Lussi e vuoti abissali di Frontex, l’agenzia che fronteggia la crisi migranti

Praticamente, un baraccone europeo. Il Bureau of Investigative Journalism ha guardato i conti di Frontex, l’agenzia dell’UE con sede a Varsavia per il pattugliamento delle frontiere esterne il cui budget continua a gonfiarsi (143 milioni di euro in questo 2015) sull’onda della crisi dei migranti. Sotto la luccicante vernice di un’istituzione in grado di fornire l’immagine di una risposta collettiva […]

Continua a leggere

UE, una persona su quattro (in Italia il 28%) é povera o a rischio di povertà

L’UE era famosa per il diffuso benessere e per la sicurezza sociale offerta alla popolazione.  Ora una persona su quattro é povera o a rischio di povertà: complessivamente, 123 milioni di persone. Il numero é considerevolmente aumentato dopo l’austerity. Inoltre avere un lavoro non porta più con sè l’automatica possibilità di una vita dignitosa.  Ha diffuso ieri questi dati Oxfam, […]

Continua a leggere

L’UE paga il “pizzo” all’Ucraina per scongiurare una nuova crisi del gas

L’UE é disposta a pagare il “pizzo” all’Ucraina, suo nuovo e impresentabile “partner” – al quale è legata l’anno scorso da un accordo di associazione (il primo passo per l’entrata in UE). Usa i soldi dei cittadini europei per comprare il gas all’Ucraina e convincerla così a far passare nel suo territorio il gas russo diretto verso i Paesi dell’Unione: un’operazione […]

Continua a leggere
1 2 3 4 5 8