Differenze

Queste sono le differenze tra la revisione selezionata e la versione attuale della pagina.

Link a questa pagina di confronto

Entrambe le parti precedenti la revisione Revisione precedente
Ultima revisione Entrambe le parti successive la revisione
studi_di_impatto_del_ceta [08 /2018/12 16:41]
tamburteam [Gli effetti collaterali indesiderabili]
studi_di_impatto_del_ceta [08 /2018/12 16:46]
tamburteam [Gli effetti collaterali indesiderabili]
Linea 51: Linea 51:
 Uno studio richiesto dalla Camera del Lavoro di Vienna ed intitolato “Assess CETA: assessing the claimed benefits of the EU-Canada trade agreement (CETA)”(([[http://​www.akeuropa.eu/​sites/​default/​files/​main_report_en_418.pdf]];​ testo in tedesco ed, a seguire, in inglese; vedi pag. 8 e seguenti; pag. 24 e seguenti)) approfondisce gli effetti collaterali indesiderati che sono impliciti o accennati negli [[studi_di_impatto_del_ceta#​gli_studi_della_commissione_europea_un_aumento_del_pil_da_prefisso_telefonico_internazionale|studi della Commissione Europea]]. Giunge alla conclusione che il costo delle trasformazioni imposte dal CETA all'​economia UE sarebbe pari a 5,5 miliardi di euro in 10 anni a  fronte – è bene ricordarlo - di una crescita del PIL europeo che nel migliore dei casi si attesterebbe fra i 4 e gli 11,6 miliardi di euro. Uno studio richiesto dalla Camera del Lavoro di Vienna ed intitolato “Assess CETA: assessing the claimed benefits of the EU-Canada trade agreement (CETA)”(([[http://​www.akeuropa.eu/​sites/​default/​files/​main_report_en_418.pdf]];​ testo in tedesco ed, a seguire, in inglese; vedi pag. 8 e seguenti; pag. 24 e seguenti)) approfondisce gli effetti collaterali indesiderati che sono impliciti o accennati negli [[studi_di_impatto_del_ceta#​gli_studi_della_commissione_europea_un_aumento_del_pil_da_prefisso_telefonico_internazionale|studi della Commissione Europea]]. Giunge alla conclusione che il costo delle trasformazioni imposte dal CETA all'​economia UE sarebbe pari a 5,5 miliardi di euro in 10 anni a  fronte – è bene ricordarlo - di una crescita del PIL europeo che nel migliore dei casi si attesterebbe fra i 4 e gli 11,6 miliardi di euro.
  
-“Assess CETA” parte da quei 167.000 lavoratori che [[studi_di_impatto_del_ceta#​posti_di_lavoro_distrutti|dovrebbe cercarsi un nuovo impiego]] per effetto del CETA e disegna ​uno scenario – arbitrario e definito “ottimistico” dagli estensori dello studio – in cui i corrispondenti posti di lavoro vengono distrutti nell'​arco di 10 anni e il 90% dei lavoratori rimasti disoccupati trova un nuovo lavoro dopo sei mesi, con uno stipendio uguale a quello precedente.+“Assess CETA” parte da quei 167.000 lavoratori che [[studi_di_impatto_del_ceta#​posti_di_lavoro_distrutti|dovrebbe cercarsi un nuovo impiego]] per effetto del CETA e da uno scenario – arbitrario e definito “ottimistico” dagli estensori dello studio – in cui i corrispondenti posti di lavoro vengono distrutti nell'​arco di 10 anni e il 90% dei lavoratori rimasti disoccupati trova un nuovo lavoro dopo sei mesi, con uno stipendio uguale a quello precedente.
  
 Sempre nell'​arco di 10 anni e nell'​intera UE, le casse pubbliche verrebbero private di 2,4 miliardi a causa di minori introiti fiscali e di maggiori spese per i sussidi di disoccupazione. Sempre nell'​arco di 10 anni e nell'​intera UE, le casse pubbliche verrebbero private di 2,4 miliardi a causa di minori introiti fiscali e di maggiori spese per i sussidi di disoccupazione.