Aperta indagine su lobby del fracking nelle istituzioni UE. Ne attendiamo gli esiti

Lobby e fracking nell’UE, l’Ombudsman – conosciuto anche come difensore civico europeo o mediatore europeo – ha aperto in agosto un’indagine sulla Rete europea della scienza e della tecnologia sull’estrazione degli idrocarburi non convenzionali, il gruppo di esperti istituito dalla Commissione Europea per valutare i progetti di ricerca di shale gas: quello che si estrae appunto con la distruttiva tecnica […]

Continua a leggere

Il TTIP é una fregatura. Tradotto uno studio del Parlamento Europeo che ne demolisce i miti

UPDATE 9 GIUGNO 2015 Lo studio Gli impatti del TTIP sul mercato dell’energia e sull’industria manifatturiera dell’Unione Europea è ora disponibile in italiano tradotto dal M5S Europa. Si ringrazia Federica Morelli per la preziosissima collaborazione DOWNLOAD PDF (2,9 Mb) oppure VEDI E SCARICA DA SCRIBD Segue articolo originale del 26 gennaio 2015 Dal punto di vista europeo, il TTIP è […]

Continua a leggere

Shale gas e petrolio non convenzionale USA. Tradotto dal M5S lo studio del Centro Ricerche del Parlamento Europeo che ne smonta il mito

L’impatto dello shale gas e del tight oil sull’economia degli Stati Uniti e del Canada e sui flussi energetici globali. Il M5S ha tradotto lo studio dell’European Parliamentary Research Service che smonta il mito degli idrocarburi non convenzionali USA Traduzione autorizzata dall’EPRS a cura di Erica Seidita, Maria Fernanda Piva, Dario Tamburrano INTRODUZIONE ALLA TRADUZIONE ITALIANA Ci chiediamo per quale motivo nelle Istituzioni Europee […]

Continua a leggere

Bluff | L’inesistente arma dello Shale Gas americano

I commentatori della scorsa settimana si sono tutti cimentati nell’affermare che, ben lungi dall’essere impotenti nella crisi ucraina, gli Stati Uniti avevano a disposizione un’arma molto efficace: la crescente produzione petrolifera e di gas naturale che, se solo il governo statunitense avesse cambiato le leggi e permesso l’esportazione di questa abbondanza, sarebbe stata in grado di competere sul mercato mondiale e sfidare il predominio russo relativo agli approvvigionamenti energetici ucraini ed europei.

Continua a leggere