La fine (farlocca) del roaming e l’addio alla neutralità della rete. Un ignobile baratto che i grandi media non colgono

Repubblica, Fatto Quotidiano, Corriere della Sera, EU Observer… Numerosi organi di informazione grandi e piccoli, italiani e stranieri, riportano un nostro commento su ciò che é accaduto martedì durante la seduta a Strasburgo: l’Europarlamento ha soffocato l’importantissima neutralità di internet in cambio di un’abolizione solo limitata e condizionata del roaming. Notiamo con dispiacere che nessun media coglie l’ignobile baratto: eppure […]

Continua a leggere

La fine del roaming? Pura propaganda UE mentre si uccide la Net Neutrality

Vendere la primogenitura – la neutralità di internet in cambio di un piatto di lenticchie: la limitata e condizionata abolizione del roaming. Si può riassumere così la volontà espressa oggi a Strasburgo dalla maggioranza del Parlamento Europeo, che si é pronunciata per un’internet a due velocità. L’appello dell’inventore del World Wide Web non é servito. Addio dunque nell’UE al principio in […]

Continua a leggere

L’UE vuole soffocare internet. A Strasburgo la battaglia per salvarla. L’appello del “padre” del web

Il “padre” di internet, Tim Berners-Lee (foto), ha pubblicato un appello per salvare la sua creatura. Una trentina di grandi aziende che operano su internet ne hanno diffuso un altro, assolutamente identico nella sostanza. Approda infatti, nella ultima seduta plenaria di Strasburgo, il tentativo di soffocare internet eliminando la neutralità della rete: ci opporremo, naturalmente, e lotteremo perché dall’Europarlamento esca […]

Continua a leggere

Inaccettabile tentativo di uccidere la neutralità della rete in cambio di concessioni sul roaming

Martedì, al tavolo dei negoziati, non é passata l’idea ignobile alla quale noi del M5S Europa ci siamo opposti duramente in commissione: si sarebbe trattato di sacrificare la neutralità della rete (e il web é uno strumento di uso quotidiano) in cambio di qualche concessione sull’abolizione del roaming, che ora quasi tutti noi paghiamo per non più di qualche giorno […]

Continua a leggere