Geotermia flash in Toscana, quanto mercurio emettono le centrali?

L’Italia non lo inserisce nell’inventario che manda all’UE. I dati certi più recenti risalgono al 2007: 1,5 tonnellate. Interrogazione alla Commissione Europea AGGIORNAMENTO – Il post relativo alla replica della Commissione Geotermia flash inquinante in Toscana, ora tocca al mercurio. Nei mesi scorsi ci siamo occupati soprattutto (ma non solo) delle emissioni di gas serra delle centrali dell’Amiata (foto) in […]

Continua a leggere

Amiata. Quando la geotermia non è rinnovabile

I nostri emendamenti alla direttiva rinnovabili per impedire che impianti sporchi come quelli dell’Amiata continuino a ricevere gli incentivi destinati alle energie pulite Nell’ambito del nostro lavoro nella commissione ITRE (energia, industria e ricerca) del Parlamento Europeo per la nuova direttiva rinnovabili, abbiamo presentato emendamenti specifici sulla geotermia, che nel testo proposto dalla Commissione Europea è inserita fra le energie […]

Continua a leggere

Geotermia all’Amiata e asini volanti. Risposta alla nostra interrogazione

Le cospicue emissioni di gas serra provenienti dalle centrali sarebbero indistinguibili da quelle naturali. Equivale a dire che gli asini volano perchè nessuno ha dimostrato che possono solo camminare L’energia geotermica prodotta dalle centrali di tipo flash del Monte Amiata è più sporca di quella prodotta con i combustibili fossili, poichè comporta emissioni di gas serra (anidride carbonica e metano) equivalenti […]

Continua a leggere

Amiata, arsenico nell’acqua e geotermia. L’UE promette di darsi da fare

La risposta alla nostra interrogazione sulla risalita verso la falda potabile delle sostanze contenute nei fluidi utilizzati per far funzionare le centrali Arsenico nell’acqua potabile e attività geotermica di tipo flash sull’Amiata, la Commissione Europea “sta esaminando” la questione che abbiamo sollevato con la nostra interrogazione cofirmata dalla collega Laura Agea: i risultati preliminari, dice la Commissione, mostrano aspetti “che […]

Continua a leggere
1 2 3