Fake news e pluralità di espressione. Il delitto perfetto su internet

La Commissione Europea sta dimostrando di essere in grado di colpire la pluralità di espressione su internet senza che sia possibile accusarla di censura: l’azione é infatti ribattezzata “lotta contro le fake news” ed é demandata a Google e Facebook attraverso scelte aziendali che privilegiano i contenuti omogenei a quelli diffusi dai media mainstream. Le scelte aziendali per definizione sono arbitrarie, e di esse non bisogna rendere conto ai cittadini. Il caso Byoblu é nato così, e tutto lascia pensare che questo sia solo l’inizio.

Continua a leggere