Rischio di ampia crisi. Gli USA vogliono che la Grecia trovi un accordo con UE e FMI

Gli USA vogliono che UE, FMI (Fondo Monetario Internazionale) e Grecia trovino l’accordo per nuovi prestiti senza i quali la Grecia andrà in default il 5 giugno, perché altrimenti si rischia una nuova, ampia crisi. Le espressioni “gli USA vogliono” e “crisi globale” non trovano riscontro letterale nelle parole del segretario al Tesoro statunitrense Jack Lew, ma il senso é quello.

Ieri, mercoledì, Jack Lew ha fatto sosta a Londra in occasione dell’incontro a Dresda dei ministri delle Finanze del G7. Con l’occasione, ha rilasciato alcune dichiarazioni. Teme che un errore di calcolo inneschi una nuova crisi in Grecia (traduzione: teme che la Grecia e i suoi creditori/prestatori continuino a tirare la corda fino a spezzarla) e secondo lui sarebbe un errore pensare che la crisi non avrebbe conseguenze “in un mondo più ampio”.

Jack Lew ha detto che per l’Europa la sfida é mostrare maggiore flessibilità (traduzione: fare qualche concessione alla Grecia che rifiuta l’austerity), così se i greci sono pronti a fare “i necessari passi difficili” (traduzione: se sono pronti ad inghiottire una certa dose di austerity) essi troveranno una via per risolvere la situazione senza che si verifichi una “crisi inutile”.

Foto