Gabbie Secolari | La finanza, la televisione, la nuova caverna di Platone

Infine, il prigioniero liberato sarebbe capace di vedere il sole stesso, invece che il suo riflesso nell’acqua, e capirebbe che: «è esso a produrre le stagioni e gli anni e a governare tutte le cose del mondo visibile e ad essere causa, in certo modo, di tutto quello che egli e suoi compagni vedevano» (Platone, La Repubblica, libro VII, 516 c – d,)

Continua a leggere