Differenze

Queste sono le differenze tra la revisione selezionata e la versione attuale della pagina.

Link a questa pagina di confronto

Entrambe le parti precedenti la revisione Revisione precedente
cos_e_il_ttip [03/03/2017 18:03]
tamburteam [Mettere in un angolo la Cina]
cos_e_il_ttip [03/03/2017 18:04] (versione attuale)
tamburteam
Linea 62: Linea 62:
 {{ :​ttipreddito.jpg?​nolink |}} {{ :​ttipreddito.jpg?​nolink |}}
  
-La punizione economica della Cina risulterebbe ancor più netta in seguito alla sinergia fra il TTIP ed altri trattati commerciali ​non imperniati sugli USA. +La punizione economica della Cina risulterebbe ancor più netta in seguito alla sinergia fra il TTIP ed altri trattati commerciali. Felbermayr e Aichele chiamano questo scenario "il nuovo ordine mondiale del commercio"​. Esso discende, oltre che dal TTIP, dal CETA(([[http://​www.dariotamburrano.it/​wikiceta/​doku.php]])) (il trattato di libero scambio prossimo ad entrare in vigore fra UE e Canada), dal [[la_perdita_di_sovranita_degli_stati#​a_ben_piu_di_un_trattato_commerciale_il_tpp_il_fratello_transpacifico_del_ttip|TPP]],​ dal trattato di libero scambio in corso di negoziazione fra UE e Giappone(([[http://​www.mofa.go.jp/​policy/​economy/​page6e_000013.html]])) e dal RCEP (Regional Comprehensive Economic Partnership)(([[http://​dfat.gov.au/​trade/​agreements/​rcep/​pages/​regional-comprehensive-economic-partnership.aspx]])) in corso di negoziazione fra l'​ASEAN(([[https://​it.wikipedia.org/​wiki/​Associazione_delle_Nazioni_del_Sud-est_asiatico]])) del Sud Est Asiatico ed i Paesi con cui l'​ASEAN stesso ha già accordi di libero scambio, cioè Australia, Cina, India, Giappone, Corea del Sud e Nuova Zelanda.
- +
-Felbermayr e Aichele chiamano questo scenario "il nuovo ordine mondiale del commercio"​. Esso discende, oltre che dal TTIP, dal CETA(([[http://​www.dariotamburrano.it/​wikiceta/​doku.php]])) (il trattato di libero scambio prossimo ad entrare in vigore fra UE e Canada), dal [[la_perdita_di_sovranita_degli_stati#​a_ben_piu_di_un_trattato_commerciale_il_tpp_il_fratello_transpacifico_del_ttip|TPP]],​ dal trattato di libero scambio in corso di negoziazione fra UE e Giappone(([[http://​www.mofa.go.jp/​policy/​economy/​page6e_000013.html]])) e dal RCEP (Regional Comprehensive Economic Partnership)(([[http://​dfat.gov.au/​trade/​agreements/​rcep/​pages/​regional-comprehensive-economic-partnership.aspx]])) in corso di negoziazione fra l'​ASEAN(([[https://​it.wikipedia.org/​wiki/​Associazione_delle_Nazioni_del_Sud-est_asiatico]])) del Sud Est Asiatico ed i Paesi con cui l'​ASEAN stesso ha già accordi di libero scambio, cioè Australia, Cina, India, Giappone, Corea del Sud e Nuova Zelanda.+
  
 Secondo Felbermayr e Aichele e secondo il modello economico che essi utilizzano, l'​effetto complessivo di tutti questi trattati sarebbe un aumento in tutto il mondo del reddito medio reale pro capite pari in media al 2,6%. Non viene esplicitamente chiarito l'arco temporale entro il quale il fenomeno dovrebbe prodursi; supponendo che - come nel caso del TTIP - si tratti di una decina di anni, l'​aumento sarebbe pari allo 0,26% circa all'​anno:​ il doppio dell'​effetto che il TTIP avrebbe da solo. Però le variazioni del reddito non sarebbero omogeneamente distribuite:​ i maggiori vantaggi ricadrebbero quasi esclusivamente sui Paesi occidentali;​ alcune aree in Africa e in America Latina si ritroveranno in una situazione sostanzialmente invariata; il reddito reale pro capite diminuirebbe in pochissimi Paesi, fra cui la Cina. Secondo Felbermayr e Aichele e secondo il modello economico che essi utilizzano, l'​effetto complessivo di tutti questi trattati sarebbe un aumento in tutto il mondo del reddito medio reale pro capite pari in media al 2,6%. Non viene esplicitamente chiarito l'arco temporale entro il quale il fenomeno dovrebbe prodursi; supponendo che - come nel caso del TTIP - si tratti di una decina di anni, l'​aumento sarebbe pari allo 0,26% circa all'​anno:​ il doppio dell'​effetto che il TTIP avrebbe da solo. Però le variazioni del reddito non sarebbero omogeneamente distribuite:​ i maggiori vantaggi ricadrebbero quasi esclusivamente sui Paesi occidentali;​ alcune aree in Africa e in America Latina si ritroveranno in una situazione sostanzialmente invariata; il reddito reale pro capite diminuirebbe in pochissimi Paesi, fra cui la Cina.