Gas e gasdotti, TAP e “Corridoio Sud”. L’inutile bulimia infrastrutturale fossile dell’UE

Il consumo di gas é in diminuzione, i gasdotti per importarlo sono utilizzati solo in parte ma l’Unione Europea continua a volerne (e a finanziarne) di nuovi. Lettera al commissario Šefčovič. E’ due volte alla ribalta in questi giorni l’inutile e dannosa bulimia infrastrutturale dell’UE in materia di gasdotti in generale e di TAP in particolare: il commissario europeo Šefčovič […]

Continua a leggere

Referendum sociali. Firme per l’acqua pubblica e per cancellare trivelle, inceneritori, cattiva scuola

Un’idea di coesione sociale e di sviluppo sostenibile molto diverse da quella di Renzi. Servono 500 mila firme entro il 25 giugno Invito a firmare e a far firmare – l’ho fatto nello scorso fine settimana –  per i referendum sociali: se indetti ed approvati, cancelleranno trivelle, inceneritori e gli obbrobri che la neolingua governativa chiama “buona scuola”. Io ho […]

Continua a leggere

Interrogazione sui regali ai petrolieri. Contrastano con le norme UE

Concessioni perpetue e possibilità di rimandare all’infinito la rimozione degli impianti inutilizzati. Ora attendiamo risposte Trivelle, non é mica finita. Le concessioni perpetue entro le 12 miglia e la possibilità di rimandare all’infinito lo smantellamento delle piattaforme inutilizzate – i due regali ai petrolieri che il referendum mirava a cancellare – contrastano con la normativa UE e sono l’oggetto di […]

Continua a leggere

Il consumo di gas è diminuito del 23% dal 2010 ma l’UE progetta faraoniche infrastrutture

Il consumo di gas sta scendendo drasticamente in tutta l’Unione Europea: ha raggiunto il massimo nel 2010, da allora è scesa del 23% e l’anno scorso è tornata sotto il livello del 1995. Lo dicono i dati ufficiali, dei quali l’UE non tiene sistematicamente conto nè nelle stime della futura domanda nè (soprattutto!) nella pianificazione di nuove, faraoniche e costose infrastrutture per […]

Continua a leggere

Ucraina beffa UE. Si prende i soldi ma non adempie alle promesse per il passaggio del gas

“Prendi i soldi e scappa”… o qualcosa di molto simile. In settembre, l’UE ha garantito all’Ucraina un miliardo di dollari (dei quali risultano già versati almeno 800 milioni) affinché l’Ucraina stessa pompasse due miliardi di metri cubi di gas nei suoi stoccaggi sotterranei prima dell’inizio dell’inverno, con lo scopo di rendere agevole il transito in territorio ucraino del gas russo diretto […]

Continua a leggere

Un accordo che piacerà a Soros. L’UE paga all’Ucraina un miliardo di “pizzo” per il gas

Non i 500 milioni di cui si parlava all’inizio, ma addirittura un miliardo di dollari. L’accordo è stato raggiunto venerdì: l’UE paga il “pizzo” all’Ucraina – la nuova ed impresentabile partner cui é legata da un accordo di associazione – per convincerla a far transitare nei gasdotti ucraini il gas russo diretto verso i Paesi dell’Unione. Il transito del gas […]

Continua a leggere

L’UE paga il “pizzo” all’Ucraina per scongiurare una nuova crisi del gas

L’UE é disposta a pagare il “pizzo” all’Ucraina, suo nuovo e impresentabile “partner” – al quale è legata l’anno scorso da un accordo di associazione (il primo passo per l’entrata in UE). Usa i soldi dei cittadini europei per comprare il gas all’Ucraina e convincerla così a far passare nel suo territorio il gas russo diretto verso i Paesi dell’Unione: un’operazione […]

Continua a leggere

Raddoppio del gasdotto Nord Stream. La Germania batte 2-0 l’Ucraina

Germania batte Ucraina 2-0. Il colosso russo del gas Gazprom ha firmato l’accordo per raddoppiare il gasdotto Nord Stream, che porta il gas russo direttamente in Germania. L’operazione é in grado di scongiurare, a tutto vantaggio della Germania, una futura crisi legata al transito nell’inaffidabile Ucraina del gas russo diretto verso l’UE. Ora viene dalla Russia circa un terzo del gas […]

Continua a leggere
1 2 3